Epernay

Saint Chamant nasce nel 1930 per mano di Pierre ad Hèlène Coquillette. Loro figlio Christian oggi ottantaquattrenne, ne prende in mano le redini nel 1950. La sede aziendale è ad Epernay, in una casa del tutto ordinaria, senza insegna. In altro portone, altrettanto anonimo poco distante, si nasconde la cantina costruita nel 16° secolo dove in un labirinto di cunicoli, centinaia di  migliaia di bottiglie riposano in attesa di essere degorgiate. Sono 11,5 gli ettari di proprietà coltivati quasi esclusivamente a Chardonnay nel villaggio di Chouilly, villaggio classificato Gran Cru dove peraltro a sede l’azienda di suo figlio Stephane Coquillette. Una piccola vigna è inoltre ad Epernay, dove solo la strada la separa da Chouilly. Saint Chamant è specializzata per lo più in Blanc de Blancs. Anche il Rosè è prodotto per lo più con Chardonnay. Quello che contraddistingue gli Champagne Saint Chamant e che li relega al di fuori delle strade conosciute (come Fallet per intenderci), è la grande attenzione ai dettagli e i lunghi affinamenti. Solo prima spremitura è usata per tutte le cuvèe. Un omaggio al passato con Champagne di grande finezza che onorano il tempo passato. Amico di Fallet dai tempi della scuola, con lui condivide un modo di concepire lo Champagne diverso da quanto le mode e gli stili accondiscendenti sanno oggigiorno offrire. Un’altra eccezione per gli amanti dello Champagne.

Disponibilità limitata

  • BRUT CARTE OR – BRUT 100% Chardonnay
  • BRUT MILLE’SIME 2005 – 100% Chardonnay
  • BRUT INTEGRAL 2006 – 100% Chardonnay
  • BRUT ROSE’ – 90% Chardonnay, 10% Pinot noir
  • BRUT MILLE’SIME 2000 – 100% Chardonnay 
  • CUVE’E ROYALE – 100% Chardonnay